Guide All'Acquisto

Miglior Caricabatterie e Mantenitore Auto e Moto

In questo periodo, ovvero in autunno/inverno dovendo subire gli sbalzi di temperatura più elevati e sopportare il freddo, le batterie dei nostri mezzi tendono a risentirne perdendo più velocemente il loro livello di carica. Per questo motivo conviene sempre avere a disposizione un caricabatteria o mantenitore di carica per prolungare la vita della batteria del nostro mezzo, essendo che una volta completamente scarica la batteria perde ogni sua capacità di accumulazione di energia, nel caso accadesse saremmo costretti a comprarne una nuova.

ctek mxs 5.0 caricabatteria mantenitore

 

Se con l’arrivo dei primi segni d’inverno, con le temperature che scendono moto durante la notte, facessimo un bel ripristino della batteria (ovvero attaccassimo la batteria al caricabatterie facendo tutti i cicli di ricarica e rigenerativi) sarebbe veramente molto difficile rimanere con la batteria a terra in momenti poco graditi. Questa “carica rigenerativa” andrebbe effettuata almeno una volta all’anno proprio in questo periodo.

A questo punto le domande sono: Mi serve davvero? Vale la spesa? Quale scegliere? Quale marca, tipo e voltaggio?

Alle prime due domande secondo il mio modesto parere risponderei con un si!

Dico di si perché se desiderate una batteria sempre in condizioni ottimali e volete allungare la sua vita, l’unico modo è quello di avere un caricabatterie a casa, anche perché non oso immaginare come sarebbe dover staccare la batteria tutti gli anni per portarla dall’elettrauto, magari possedendo più di un mezzo…

Riguardo la seconda domanda: Si, ne vale la spesa! Valutate che una ricarica alla batteria costa sempre intorno ai 5 Euro, senza calcolare il tempo e l’impegno necessario a doverla portare dall’elettrauto.

Se siete convinti delle prime due risposte andiamo avanti entrando nel vivo dell’articolo: la scelta del caricabatterie

Devo dirvi la verità, su questi prodotti la risposta è abbastanza semplice soprattutto visto che le marche davvero valide sono poche, tutto il resto consiste in articoli da supermercato e viene pagato tanto quanto il suo valore…

L’unica domanda che può generare dei dubbi è decidere se comprare un modello che faccia soltanto funzione di caricabatteria oppure anche da mantenitore di carica.

Il caricabatteria come da suo nome può soltanto compiere la ricarica della batteria, una volta terminata ha finito il suo lavoro e può essere scollegato.

Il mantenitore invece una volta terminate tutte le dovute fasi di ricarica e controlli sullo stato della batteria, si imposta automaticamente in modalità di mantenimento, e mantiene la batteria al 95/99% della carica senza rovinarla e permettendone la sua conservazione a lungo termine.

Può essere utile quando si possiede un mezzo che viene tenuto fermo per mesi (come ad esempio una moto nella stagione invernale) e magari lo si vuole sempre pronto con la batteria carica.

Il mio consiglio è quello di acquistare un mantenitore, lo avrete già capito dalla descrizione precedente, infatti esso consente sia di caricare la batteria e sia di poterla riporre nel migliore dei modi senza dover rischiare che si scarichi nuovamente dopo poco tempo.

Per quanto riguarda il voltaggio del caricabatteria o mantenitore, esso dipende esclusivamente dal vostro mezzo, generalmente si tratta di 6V o 12V per la maggior parte delle moto e auto, esistono anche modelli più potenti ma servono soltanto per batterie a 24V, ad esempio quelle di camion, trattori ed escavatori, quindi a meno che non ne abbiate uno… vi basterà una ricarica a 12V. 😉

 

Caricabatterie consigliati

La marca che vi consiglio è Ctek, a mio avviso si tratta del migliore caricabatterie e lo è anche secondo le maggiori case automobilistiche mondiali (non faccio nomi, potete verificare cercando su internet).

CTEK MXS 5.0 Caricabatterie/Mantenitore

Si tratta di un ottimo caricabatterie, tra le sue funzioni permette anche di selezionare la tipologia del mezzo e scegliere modalità RECOND e AGM a seconda dello stato e del tipo di batteria.

RECOND ha la funzione di rigenerare batterie particolarmente scariche.

AGM è la modalità di ricarica da utilizzare per le batterie AGM (absorbent glass mat)

È completamente automatico e ha 8 programmi e 8 fasi di carica, inoltre possiede in aggiunta la funzione di compensazione della temperatura e infine passa in modalità mantenitore di carica in automatico una volta terminate le fasi precedenti.

CTEK MXS 5.0 è adatto a tutti i tipi di batterie al piombo (acido libero, MF, AGM, GEL, Ca/Ca), e batterie START & STOP di ogni tipo.

In dotazione avete già tutto quello che vi serve per iniziare, ma non vi preoccupate ci sono una marea di accessori per questo prodotto, per esempio il cavo con indicatore di carica della batteria incorporato.

Il manuale d’uso del caricabatteria è scritto in modo semplice ma dettagliato, insieme ad esso viene fornito un pratico sacchetto dove poter riporre il tutto sul quale sono raffigurate le istruzioni di montaggio e smontaggio del caricabatteria per l’auto.

Il prodotto appena descritto è adatto per molti tipi di batterie ma non per quelle agli ioni di Litio, per le quali consiglio la versione apposita, sempre marchio CTEK.

 

Bosch C7 Caricabatterie/Mantenitore

Per il marchio Bosch non servono spiegazioni, troviamo anche nei caricabatterie come nella maggior parte dei loro prodotti, che la qualità sia ottima e le funzionalità fornite rispecchino il valore del prodotto.

I caricabatteria e mantenitori di carica bosch sono venduti in diverse taglie C1, C3 e C7. I primi due possono essere utilizzati soltanto per ricaricare batterie a 6 e 12V, mentre C7 tramite la sua programmazione a 6 funzioni permette di caricare anche batterie a 24V tipiche dei mezzi pesanti.

Modalità operative:

  • 1: 12V – Auto/Moto (14,4V / 7A)
  • 2:  12V – Clima freddo/AGM (14,4V / 7A)
  • 3:  12V – Rigenerazione (16,5V a 1,5Ah)
  • 4:  12V – Alimentatore (13,6V / 5A)
  • 5: 24V – Autocarri (28,8V / 3,5A)
  • 6: 24V – Clima freddo/AGM (29,4V / 3,5A)

 

Bosch C7 possiede diverse funzioni tra cui:

Ricarica standard, effettuata in modo automatico.

Modalità di mantenimento a fine carica standard.

Carica di rigenerazione, nel caso di batterie particolarmente scariche.

Alimentatore, può alimentare l’elettronica del veicolo mentre la batteria viene sostituita.

 

Precisazioni sugli Starter

Dulcis in fundo abbiamo gli starter… Ho letto su alcuni siti che si sono occupati di questo argomento e descrivono gli starter come se fossero dei caricabatterie…. non diciamo baggianate per cortesia…

Gli starter sono perlopiù dispositivi di emergenza, essi sono degli accumulatori (batterie) che servono ad accendere un’auto in panne per via della batteria scarica, niente di più… Per cui non diamo credito a chi li cataloga come caricatori perché non è affatto così, lo starter non ricarica la batteria!

Lo starter può essere utile da avere in garage nel caso qualche vostro parente o amico rimanesse con la batteria dell’auto a terra, grazie ad esso potreste andare a soccorrerlo portando con voi questo dispositivo che nel momento in cui lo collegherete bypasserà la batteria e la vettura otterrà la corrente che le serve per avviare il motore.

Questo dispositivo trattandosi di un accumulatore è soggetto all’abbassamento del livello di carica anche nel caso non venga utilizzato, per cui va periodicamente ricaricato come se fosse una normale batteria.

Miglior Caricabatterie e Mantenitore Auto e Moto ultima modifica: 2017-11-27T03:02:21+01:00 da Davide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.