Guide All'Acquisto

Come Scegliere la Batteria per Auto e Moto

In questo articolo parliamo di uno degli elementi più importanti, possiamo dire indispensabile, per i nostri veicoli sia moto che auto, sto parlando delle batterie… quelle maledette che quando meno ce lo aspettiamo ci lasciano con la macchina ferma perché si sono scaricate per colpa di vari fattori.

In questo periodo terribile, i nostri mezzi sono costretti per molti di noi, a rimanere fermi in strada o garage, non usando i veicoli le batterie tenderanno a scaricarsi piano piano fino a che non avranno più la capacità (voltaggio) necessaria per avviare il nostro mezzo. 

Molti di noi si chiederanno perché le batterie si scaricano quando l’auto è ferma e senza nessun dispositivo o lucina accesa, beh a primo sguardo sembra così, ma in realtà la macchina consuma perché ha dei piccolissimi assorbimenti al suo interno dovuti a varie cause, tra cui ad esempio l’allarme, che anche restando in stand by consuma corrente, e poi comunque le batterie hanno una perdita intrinseca di corrente di nell’intorno dei 0,1 – 0,05 A, quindi in ogni caso anche senza nessun assorbimento diretto della macchina, una batteria si scarica da sola. Ad esempio una batteria da circa 60 Ah si scarica all’incirca in 25 giorni.

Un altro motivo per cui si scaricano le nostre batterie sono gli sbalzi di temperatura, quando si passa da freddo caldo e viceversa le batterie soffrono molto, per quello viene consigliato sempre di fare una ricarica alla batteria sia in inverno che alla fine dell’estate quando abbiamo un cambio di temperatura.

 

Tipologie di Batteria

Per prima cosa facciamo un po’ di chiarezza su cosa è la batteria e quali sono le sue specifiche da tenere in considerazione:

La batteria è l’accumulatore essenziale per l’impianto elettrico dei nostri mezzi, altro non è che un accumulatore di corrente elettrica con capacità dipendenti dal tipo di veicolo, che assorbe energia, prodotta dal funzionamento del motore, per immagazzinarla per poi cederla nei momenti richiesti, quando il motore non è acceso, in corrente continua con una tensione sia per moto che per auto a 12,8 Volt, la capacità di mantenere al suo interno l’energia è data da processi chimici. 

Le batterie si differenziano tra di loro principalmente per il tipo di materiali utilizzati al loro interno per accumulare energia chimica, tipicamente sono due configurazioni:

La più usata e quella al piombo, piombo-acido, che al suo interno ha celle messe in serie, immerse nell’acido elettrolitico per creare la reazione.

Possiamo trovare le nuove batterie al Litio, ma sono ancora rare da trovare montate di serie sui nostri mezzi, sono più leggere ed efficienti, ma molto più costose.

Per quanto riguarda le classiche batterie al piombo, possiamo trovarle in diverse tipologie, la prima con i tappi posti al di sopra della batteria i quali una volta svitati permettono di aggiungere l’elettrolita che si è consumato; tuttavia queste batterie sono state completamente sostituite dalle batterie sigillate.

Queste ultime non hanno bisogno di nessun tipo di manutenzione se non ricordarsi di metterla in carica ogni tanto. 

Infine possiamo trovare, raramente, quelle al gel, che sono più costose ma hanno una durata molto maggiore e l’efficienza è migliore.

Adesso che sappiamo cosa possiamo trovare sul mercato passiamo alle specifiche che ci interessano per il corretto funzionamento sul nostro specifico mezzo.

Caratteristiche

La tensione: (V – Volt) deve sempre essere compresa tra i 12 e i 12,8 Volt. Se la tensione dovesse essere più bassa la batteria non riuscirebbe a far avviare il motore.

Capacità – Amperaggio: (Ah – AmperOra) sarebbe la capacità che ha la batteria di accumulare energia, più è grande il valore più energia conterrà al suo interno.

Corrente di spunto (A): la corrente che la batteria può emettere quando gli si richiede energia, il valore è circa otto volte il valore della capacità della batteria. Più è alto e più la batteria metterà in moto con facilità il mezzo.

Per finire individuiamo i due poli per collegare l’oggetto al mezzo, sto parlando dei due morsetti dei poli positivo e negativo. Troveremo in rosso e con il segno + (positivo) appunto il polo positivo e in nero con segno – (meno) il polo negativo, questi andranno collegati ai gemelli che si trovano sul nostro mezzo.

 

Scelta della Batteria

Per scegliere la batteria adeguata al nostro mezzo abbiamo due possibilità: vedere l’etichetta sulla batteria montata sul veicolo e quindi individuare i valori di corrente e tensione, oppure controllare sul libretto di uso e manutenzione e trovare la voce dove specifica che tipo di batteria va utilizzata per quello specifico modello. 

Il voltaggio come abbiamo detto è fisso a 12,8 Volt mentre la capacità (Ah) varia molto da veicolo a veicolo, possiamo andare dai 50 Ah fino 110 Ah, questo dipende dalle dimensioni del motore. Per un grosso motore diesel magari con funzione Start & Stop avrò sicuramente una batteria di capacità elevata, di solito maggiore di 75 Ah, perché il motorino di avviamento dovrà avere maggiore forza di spunto per riuscire ad avviare un motore di grandi dimensioni.

Nessuno ci vieta di comprare una batteria con una capacità un po’ più alta ma sempre facendo attenzione alle dimensioni fisiche della batteria stessa, perché ricordiamoci che deve essere montata in un apposito alloggiamento con dimensioni fisse, e la batteria deve essere ben posizionata e soprattutto bloccata: quindi le dimensioni devono essere esatte come da libretto.

Per quanto riguarda le moto e gli scooter, la marca di batteria più utilizzata (e che raccomandiamo, visto che è di ottima qualità) è la Yuasa, cliccando sul seguente bottone potrete confrontare i prezzi su Amazon. Per gli scooter è molto utilizzato il modello YTX-9 BS, mentre per le moto YTX-12 BS, ma verificate sul libretto di uso e manutenzione del vostro mezzo!

 

Montaggio della Batteria

Una volta acquistata la batteria non dovrete far altro che smontare quella vecchia e montare in modo speculare quella nuova ripercorrendo a ritroso gli stessi passaggi. 

L’operazione corretta da compiere è spiegata, di solito, sul libretto di uso e manutenzione del veicolo. In linea di massima per le automobili la batteria (ovviamente) si trova sotto il cofano anteriore, per capirci dove si trova il motore (nella maggior parte delle auto almeno; troveremo una cover di materiale plastico che coprirà la batteria e che funge da protezione, rimossa questa copertura avremo a vista la batteria che sarà collegata ai due morsetti.

Prima di procedere con lo smontaggio assicuriamoci che la chiava della macchina non sia inserita e non sia attivo il quadro di strumentazione, ora procediamo a scollegare i morsetti: prima il negativo e poi il positivo, non toccate in contemporanea entrambi i morsetti se non volete assomigliare ad Einstein. 

Per smontarli nelle auto più recenti abbiamo degli sganci rapidi e non abbiamo bisogno di chiavi, in altre invece di solito basta una chiave inglese della misura corretta. 

Una volta scollegati i morsetti possiamo procedere alla rimozione della batteria dal suo alloggiamento, alle volte la batteria ha dei blocchi a leva che bisognerà sbloccare per poi estrarre il tutto. 

Fatto questo non dobbiamo fare altro che mettere la nuova batteria e ricollegare e bloccare il tutto, avendo cura di collegare prima il polo positivo e poi il polo negativo (il contrario rispetto allo smontaggio), e assicurandoci che non ci siano giochi o laschi sospetti, che non ci devono assolutamente essere: la batteria una volta montata deve essere bloccata e non deve muoversi per nessun motivo.

Per le batterie delle moto o degli scooter il montaggio potrebbe essere più difficoltoso.
Ad esempio, nelle moto la batteria di solito si trova sotto la sella del pilota, nel mio caso basta smontare i due fianchetti e svitare le due viti che tengono bloccata la sella, una volta sollevata la sella trovo la batteria e i fusibili. 

La procedura è esattamente la stessa: stacchiamo i morsetti (prima negativo e poi positivo), rimuoviamo la batteria vecchia e la sostituiamo con la nuova, e infine colleghiamo i morsetti (stavolta prima positivo e dopo il negativo).

Spero che questo articolo vi sia stato utile, se non siete sicuri di cambiare batteria e prima volete provare a salvarla caricandola, andate a leggere l’articolo sui caricabatterie/mantenitori per auto e moto.

Come Scegliere la Batteria per Auto e Moto ultima modifica: 2020-05-20T23:14:11+02:00 da Davide

Un pensiero su “Come Scegliere la Batteria per Auto e Moto

  1. Lns non avete idea di quanto mi avete chiarito le idee,avete un modo molto semplice per far capire le cose,avevo una tale confusione,ma adesso è tutto chiarissimo.Grazie batteria presa e tutto andato per il meglio,fate altri articoli sono super utili!!
    Maurizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.